domenica 28 ottobre 2012

Uragano Sandy: più di 12 centrali nucleari a “rischio Fukushima”

Uragano Sandy: più di 12 centrali nucleari a “rischio Fukushima”:


A rischio le centrali di North Carolina, Virginia, Maryland, New Jersey, Pennsylvania, New York e Connecticut.
” A causa delle dimensioni dell’uragano Sandy potremmo assistere a gravi impatti  contro le centrali nucleari costiere e dell’entroterra”

Così il 28 ottobre afferma al telefono Neil Sheehan, portavoce della US Nuclear Regulatory Commission (NRC) di base a Philadelphia.  Sheehan continua spiegando come nella prima  mattinata la NRC si sia riunita per discutere le necessarie precauzioni da prendere a seguito dell’uragano Sandy. Se la velocità del vento supererà i livelli di soglia bisognerà iniziare a spegnere gli impianti nucleari.
La Reuters fornisce la lista delle centrali nucleari potenzialmente a rischio:



Il rischio di un incidente nucleare negli USA è attualmente più alto di quanto non fosse in Giappone prima di Fukushima.

In media le vasche di combustibile nelle centrali degli Stati Uniti immagazzinano una quantità  di combustibile radioattivo 10 volte più alta rispetto a quello conservato a Fukushima. E non hanno sulla carta sufficienti caratteristiche di sicurezza.



Ora rivediamo la lista delle centrali potenzialmente lungo il percorso dell’uragano Sandy e guardiamo i problemi occorsi negli ultimi anni:
- Brunswick: l’anno scorso ha avuto perdite al liquido di raffreddamento

- Surry: è stata recentemente colpita da problemi coi sistemi di raffreddamento, valvole e danni a causa di un tornado

- North Anna: l’anno scorso ha avuto perdite di trizio a seguito di un terremoto che ha scosso l’impianto e spostato un gigantesco magazzino di barili radioattivi

- Calvert Cliff: è stata spenta a causa dell’ultimo uragano (fonte)

- Salem: è stata martoriata da problemi di sicurezza con le turbine e altri elementi

- Hope Creek: ha sofferto di problemi di sicurezza, ha la stessa struttura dell’unità 1 di Fukushima , ha alcuni degli stessi problemi con lo stoccaggio sopraelevato delle barre di combustibile esaurito. Fu progettata per resistere ad alcuni grossi eventi atmosferici ma bisogna guardare al potenziale di impatto di eventi più estremi come l’innalzamento dei livelli del mare ed inondazioni.

- Peach Bottom: è stata probabilmente costruita sulla base di un progetto difettoso ed è stata colpita da diversi problemi

- Limerick: ha subito problemi elettrici

- Three Mile Island: ha subito il mese scorso perdite al sistema di refrigerazione

- Susquehanna: è stata colpita da un problema dopo l’altro

- Oyster Creek: è stata colpita da problemi elettrici e problemi di varia altra natura
- Indian Point: è largamente conosciuto come uno dei peggiori impianti nucleari americani. Se fondesse l’impianto di Indian Point si potrebbe chiudere NewYork City per anni con danni per più di mezzo trilione di dollari

- Millstone: ha mostrato la sua vulnerabilità per il fatto che è stata spenta a causa del calore dell’acqua marina

- Pilgrim: ha avuto numerosi problemi strutturali. Le vasche con le barre di combustibile esaurito contengono cesio radioattivo in quantità molto maggiori di quelle di Fukushima, Chernobil e di tutti i test di bombe nucleari messi assieme

- Seabrook: ha avuto problemi di corrosione, problemi ai computer di controllo e vari altri problemi

- Vermont Yankee: ha 10 volte più barre di combustibile esaurito rispetto a ciascuno dei singoli reattori di Fukushima, ha recentemente avuto perdite di trizio.



Non sorprende che ci siano stati problemi a tutti questi impianti nucleari. Dopo tutto gli USA hanno 23 reattori che sono virtualmente identici a quelli di Fukushima. Gli arcaici reattori ad uranio sono stati progettati più di 40 anni fa e ora sono buoni solo per fare bombe.

La maggior parte dei reattori nucleari americani sono vecchi. Stanno invecchiando male e sono in reale pericolo di fusione; ma ancora oggi la NRC ha standard di sicurezza molto morbidi per i vecchi impianti. Infatti mentre molti degli impianti nucleari hanno già superato il loro periodo di durata per il quale erano stati progettati, la NRC sta considerando di estendere le licenze per altri 80 anni, cosa che per l’ex capo dell’autorità della valle del Tennessee ed attuale consulente della Friends of Earth’s nuclear campaign, David Freeman, è un ” suicidio “.

da: WashingtonsBlog; New Jersey news
Speriamo che non succeda nulla; probabilmente anche l’uragano Sandy passerà lasciando alle spalle meno danni di quanti non si annuncino dai messaggi di allerta ma ad ogni modo questo articolo resta emblematico sullo stato di pericolosità di molte centrali nucleari americane.

link

0 commenti:

Posta un commento