IMPIANTI ALIENI: LE ULTIME SCOPERTE

Che mostro hanno scoperto gli scienziati russi nell'Artico

UFO ripreso a Guadalajara, Messico

venerdì 31 agosto 2012

In California, l’UFO più strano mai visto

In California, l’UFO più strano mai visto:


Il notiziario di KMPH Fox 26 ha dato la notizia di un avvistamento di un UFO abbastanza curioso. L'oggetto misterioso è stato avvistato nel cielo di Dos Palos, in California, nel luglio del 2012.
L'oggetto è stato notato da numerosi passanti. Cruz Nava, uno dei testimoni, dice: "L'ho visto nel cielo e cercavamo di capire di cosa si trattasse. L'unica cosa che so è che è veramente strano.



L'emittente televisiva americana ha cercato di contattare la Federal Aviation Administration (FAA) per capire se i funzionari avessero notato qualcosa di anomalo sui loro radar, ma non hanno ottenuto alcuna risposta.
Uno dei testimoni ha avuto la prontezza di riprendere l'oggetto volante con la sua videocamera. Guardando il video, l'oggetto sembra essere composto di metallo, di forma sferico e con lunghi filamenti luccicanti.



In un primo momento, molti hanno ipotizzato che si trattasse di un pallone sonda o meteorologico, ma gli scienziati del National Weather Service di Hanford: "Se fosse un pallone meteorologico, uno così non l'avevamo mai visto!".

Visto su: http://ilnavigatorecurioso.myblog.it/archive/2012/08/25/in-california-l-ufo-piu-strano-mai-visto.html

Fonte: http://www.kmph-kfre.com/story/19335597/ufo-caught-on-camera-in-valley

link

venerdì 17 agosto 2012

Alta Gracia (Argentina) sommersa dalla grandine: video shock!

Alta Gracia (Argentina) sommersa dalla grandine: foto e video shock!:



Una violentissima grandinata ha colpito oggi la città di Alta Gracia, in Argentina, nella provincia di Cordoba, esattamente nell’area centro/settentrionale del Paese SudAmericano. Alcune case sono state invase da un fiume di acque e grandine. Molte auto hanno subito danni e la circolazione è rimasta bloccata per ore a causa delle strade ricoperte da uno strato di circa 30 cm di grandine. Come visibile dalle immagini, sono dovute intervenire le ruspe per permettere la ripresa della circolazione. Tanti i volontari che hanno svolto un lavoro egregio per liberare le strade e le case dalla grandine.





link

mercoledì 8 agosto 2012

la NASA sembra confermare un'invasione aliena

la NASA sembra confermare un'invasione aliena

La notizia sta girando da alcuni giorni e viene riportata sulla maggior parte dei siti internet di Ufo news. La novità sarebbe questa; la Nasa sembra aver confermato che gli alieni stanno invadendo la terra, e ci stanno attaccando a causa del riscaldamento globale! WWN è stata l’unica fonte di comunicazione multimediale su l’invasione aliena in corso. Attraverso la WWN, nella persona di Frank Lake è stato il reporter investigativo di spicco mondiale su questo tema.




LA PAURA FA 90!!

I governi di tutto il mondo sono stati sempre pronti a coprire l’invasione di razze aliene, al fine di evitare il panico in tutto il mondo. Ma ttraverso la WWN, dice Frank, dobbiamo riferire la verità, e se prendiamo queste azioni, come azioni pacifiche saremo in grado di evitare una guerra con gli alieni.
Come riportato molte volte, il gruppo delle Nazioni Unite che investiga sugli Extraterrestri, ha confermato che gli alieni provenienti da Planet Zeeba, hanno iniziato ad invadere il nostro pianeta in gran numero, a partire dal mese di ottobre 2011.
Il gruppo di esperti delle Nazioni Unite, guidato dal Dr. John Malley, prevede che l’invasione durerà fino a dicembre 2015, momento in cui la Terra sarà sotto il pieno controllo degli alieni provenienti da Zeeba. Se agiamo ora, siamo in grado di coesistere pacificamente con gli alieni.
In un annuncio sorprendente oggi, la NASA ha confermato reportage Frank Lake. “Gli alieni hanno invaso il nostro pianeta in numero sempre crescente”, avverte un rapporto della NASA. La ragione? NASA dice che l’aumento delle emissioni a effetto serra potrebbe essere una soffiata alieni che siamo una minaccia in rapida espansione. 
“Guardando da lontano, gli extraterrestri hanno visto cambiamenti nell’atmosfera terrestre come sintomatico di una civiltà fuori controllo – e stanno prendendo misure drastiche per impedirci di diventare una minaccia più grave.“ Certamente questa è una buona notizia, così sarebbe l’inizio della fine di una civiltà votata all’auto distruzione.



I ricercatori della NASA spiegano spiegano attraverso i scienziati della Pennsylvania State University, che ci sono buone previsioni di come gli esseri umani e gli alieni provenienti da Zeeba, potranno incontrarsi entro la fine del 2012. Jessica Wygal-Markum della Divisione di Scienze Planetarie della NASA e i suoi colleghi, hanno compilato una lista dei risultati plausibili che potrebbero svilupparsi a seguito di un incontro ravvicinato, per aiutare l’umanità a “prepararsi” per il contatto reale.
Nel rapporto, “Quando esseri umani incontreranno gli Zeeban”, i ricercatori hanno suddiviso i contatti alieni in tre grandi categorie: positivi, neutri o dannosi.
Incontri positivi sono quelli produttivi e pacifiche riunioni si terranno con intelligenze extraterrestri (ETI)
Questi incontri ci aiuteranno a far progredire le nostre conoscenze e risolvere problemi globali come la fame, la povertà e le malattie. 
Uno degli scienziati, Joyti Aggarwalla, pensò un altro risultato utile, che sarebbe il trionfo dell’umanità su un aggressore straniero più potente, o addirittura di essere salvato da un secondo gruppo di ET – forse da Marte. 
“In questi scenari, i benefici all’umanità non solo sono derivati dalla grande vittoria morale di aver sconfitto un rivale scoraggiante, ma anche la possibilità di decodificare la tecnologia ETI”, scrivono gli autori.
Altri tipi di incontri ravvicinati possono essere meno gratificanti e lasciano molto del sentimento sulla società umana indifferente verso gli Alieni. I Zeebans possono essere troppo diversi da noi per una comunicazione significativa che possa prendere il sopravvento per una collaborazione attiva.
Per rafforzare le possibilità che l’umanità possa sopravvivere, i ricercatori chiedono cautela per inviare segnali nello spazio e per inviare squadre di ricerca Aliene in tutto il pianeta, con modalità e intenzioni pacifiche, per tentare di connettersi con gli alieni. 
Gli autori del rapporto NASA avvertono che gli extraterrestri possono essere cauti nei confronti di civiltà che come la nostra si espandono molto rapidamente, in quanto questi possono essere soggette a distruggere altre forme di vita man mano che crescono, proprio come gli esseri umani stanno faecndo ora, con una specie in via di estinzione sulla Terra. 
Nello scenario più estremo, gli Alieni potrebbero scegliere di distruggere l’umanità per proteggere altre civiltà. Speriamo che l’umanità faccia la scelta giusta e aprirea dialoghi e intenzioni pacifiche. In caso contrario … beh, i nostri giorni sono contati.

Segnidalcielo


domenica 5 agosto 2012

Alluvione nella valle dell'Isarco


La prima vittima era stata ritrovata senza vita ad Avenes. Dopo ore di ricerche, rintracciato il cadavere anche dell'altra donna dispersa. Nella zona, evacuate almeno 150 persone. Interrotta anche la ferrovia del Brennero.

BOLZANO - E' di due donne morte il bilancio di un violento nubifragio che si è abbattuto sulla alta valle Isarco. Ad Avenes una frana ha travolto un maso uccidendo una donna. A Tulve dispersa un'altra donna, che viveva da sola in un maso completamente distrutto da un'altra frana. E' stata poi trovata senza vita anche lei. La linea ferroviaria del Brennero è stata chiusa per motivi di sicurezza.

EVACUATE 150 PERSONE. Ad Avenes quattro persone che si trovavano in due automobili e un motociclista sono rimasti intrappolati per alcune ore in una galleria, le cui uscite sono state ostruite da frane. Oltre 150 persone sono state evacuate dalle loro case e portate nella palestra multifunzionale di Vipiteno. Circa cinquecento vigili del fuoco sono in servizio per le ricerche della dispersa e per il lavoro di ripristino della viabilità.domenica, 05 agosto 2012

http://www.valleisarco.net/images/cons-inside-eisacktal/cons-inside-A-aa.jpg
                                                                         Valle Isarco


Filippine: Manila duramente colpita da onde giganti!

Filippine: Manila duramente colpita da onde giganti!:


4 agosto 2012 - Filippine: Il bilancio delle vittime dopo il passaggio del tifone Samoa è salito a 37, l'aumento del livello del mare ha causato inondazioni in numerosi distretti di Manila Bay.Le onde del mare hanno spazzato le dighe protettive sulla costa allagando diverse zone di Manila.



Piogge monsoniche stanno ancora imperversando nella regione.






sabato 4 agosto 2012

Devastante tempesta di grandine nel Canada occidentale

Devastante tempesta di grandine nel Canada occidentale:



Una devastante grandinata con chicchi grandi quanto palle da baseball, si è abbattuta lo scorso 26 Luglio nella provincia dell’Alberta, nel Canada Occidentale, apportando innumerevoli danni alle abitazioni e alle vetture. Praticamente alcun veicolo è stato risparmiato dalla furia della tempesta, con parabrezza rotti e ammaccature varie alle carrozzerie. Molti vetri di abitazioni e attività commerciali sono andati in frantumi, e soltanto per puro caso non ci è scappata la tragedia. Il video qui in basso mostra un gruppo di ragazzi a Cardston intenti a trascorrere una giornata in piscina.

I tifoni Damrey e Saola devastano Filippine, Cina e Taiwan: decine di morti e oltre un milione di sfollati!

I tifoni Damrey e Saola devastano Filippine, Cina e Taiwan: decine di morti e oltre un milione di sfollati! Le foto:

Sono oltre 800mila gli sfollati, costretti ad abbandonare le loro abitazioni dopo il passaggio di due devastanti tifoni che hanno colpito – a distanza di 12 ore l’uno dall’altro – almeno 10 province della costa orientale cinese. Altri 250.000 sfollati tra Filippine e Taiwan sono il bilancio complessivo di Damrey e Saola che hanno causato due morti e danneggiato migliaia di abitazioni nella sola Cina, mentre nelle Filippine sono morte più di 40 persone e almeno 8 a Taiwan. Intanto gli esperti avvertono che l’area, nei prossimi giorni, sarà interessata da altre piogge torrenziali che potranno causare nuovi danni. Nei giorni scorsi il maltempo ha investito la capitale, causando almeno 78 vittime ufficiali (ma il numero potrebbe essere di gran lunga maggiore) e mettendo a nudo l’arretratezza del sistema fognario di Pechino. La vicenda ha scatenato una furiosa protesta sul web, contenuta a stento dalle autorità e dalla propaganda governativa.


Per i meteorologi il tifone Damrey – dal 1949 a oggi il più potente ad aver investito a nord del fiume Yangtze – non arriverà sino a Pechino, ancora alle prese con l’emergenza alluvione. Tuttavia, esso ha già causato – assieme alla tempesta tropicale Saola, che in precedenza aveva investito Taiwan e Filippine causando almeno 40 vittime – 867mila sfollati in 10 province che si affacciano sulla costa orientale; le più colpite sono lo Jiangsu e lo Shandong.
Le due vittime sono originarie dello Shandong, dove almeno mille case sono collassate e altre 23mila hanno subito danni seri. Nello Jiangsu un centinaio le abitazioni crollate e circa 2.800 danneggiate. Il Dipartimento meteo cinese (Cma) riferisce che dal 1949 a oggi in soli due casi si è verificato un evento simile, con due tifoni che in rapida successione – a distanza di 12 ore – si abbattono nella stessa area. Nel 2006 la prima volta, quando Saomai e Bopha hanno colpito a 24 l’uno dall’altro.
Dalla serata di ieri Damrey e Saola sono stati declassati a tempesta tropicale e hanno preso direzioni diverse, il primo verso nord e il secondo a ovest. Tuttavia, il premier Wen Jiabao in visita nella provincia dell’Hubei ha lanciato un monito ai funzionari e alle amministrazioni cittadine,  perché migliorino il sistema fognario – principale responsabile del disastro a Pechino – e la prevenzione delle alluvioni. “Dobbiamo imparare a fondo da queste esperienze” ha sottolineato il Primo Ministro in un incontro con la stampa.


Typhoon Damrey hits China

Typhoon Saola's torrential rain and strong winds aftermath.

venerdì 3 agosto 2012

nave madre aliena rilascia UFOs attorno alla Terra

nave madre aliena rilascia UFOs attorno alla Terra:


“Nave madre aliena sguinzaglia gli Ufo attorno alla Terra” – ne parla su Italia 1 l’astronomo Eamonn Ansbro
A giorni, per la precisione l’8 agosto, Italia1 trasmetterà l’intervista di Sabrina Pieragostini all’astronomo irlandese Eamonn Ansbro. Il testo della chiacchierata è già apparso sul blog “Extremamente” e vi rimando alla sua lettura integrale. 
Però vi anticipo a mo’ di sintesi il tema del discorso. Ansbro sostiene che gli Ufo esistono (meglio sarebbe però dire: dischi volanti o mezzi spaziali di costruzione aliena) e che orbitano attorno alla Terra con una regolarità tale che è possibile intercettarli e addirittura prevederne il passaggio con un margine d’errore di una ventina di minuti. 
Nascosta in un’orbita attorno al nostro pianeta, infatti, girebbe una nave madre che libererebbe nella bassa atmosfera unità da ricognizione, in qualche caso robotizzate. Senza togliervi la possibilità di leggere l’intervista completa, per poterla poi commentarre, vi passo alcuni “highlights”:
“Gli Ufo sono di origine extraterrestre? Sì, ora ne siamo praticamente sicuri. Ci sono voluti molti anni per capirlo, abbiamo dovuto elaborare equazioni e formule matematiche, ma ora abbiamo anche individuato il loro metodo di comunicazione. Abbiamo recentemente scoperto infatti che non comunicano utilizzando fonti luminose o segnali radio: niente di tutto ciò. Utilizzano un sistema davvero incredibile perché ricorrono ai messaggi telepatici. 
Al momento pensiamo che esista una tecnologia particolare all’interno delle astronavi, non ne conosciamo la forma, stiamo provando ad immaginarla. 



l'astronomo Eamonn Ansbro



Astronave aliena fotografata dalla NASA

Alcuni piccoli gruppi di scienziati ci stanno lavorando, la gente può crederci o no. Questi Ufo pilotati svolgono una funzione di controllo, di sorveglianza automatica in vari modi. Vogliono registrare qualsiasi cosa facciamo, come fanno gli antropologi nei confronti di una tribù indigena mai vista prima. 
Li osservano da lontano, poi pian piano provano ad avvicinarsi, ma nel contempo anche gli indigeni vedono l’antropologo ed è possibile che dopo un po’ avvenga l’incontro, ma a tempo debito. Sta alla nostra società fare uno sforzo genuino per incontrare gli Alieni, affinchè avvenga un contatto. Sì, penso che avverrà solo se facciamo questo sforzo Allora si faranno avanti”


Tifone Saola,Taiwan: cede il terreno, uomo "ingoiato" in diretta Tv. Video shock

Tifone Saola,Taiwan: cede il terreno, uomo "ingoiato" in diretta Tv. Video shock:














Come già anticipato egregiamente dal nostro Luciano Serangeli (Leggi QUI), il tifone Saola si è abbattuto nel nord-est di Taiwan all'inizio di giovedi con la forza equivalente di un uragano di categoria 2.
Forti venti hanno battuto la zona centrale e settentrionale di Taiwan. Taipei è stata interessata da raffiche di vento a 90 kmh e pioggia torrenziale.
Quest'oggi, inoltre, nel centro cittadino di Sanshia Township, proprio a causa dei quantitativi abnorni di acqua caduta nelle ultime ore, il manto stradale ha ceduto ed un uomo è stato letteralmente "ingoiato" e sepolto dai detriti.

Ecco il sensazionale e scioccante video, catturato da una telecamera di video-sorveglianza.

giovedì 2 agosto 2012

Ultimi Crop Circles di Luglio: arrivano i rettiliani?



Presentiamo gli ultimi Cerchi nel Grano comparsi nelle campagne inglesi negli ultimi giorni di questo caldo luglio 2012. All'inizio della stagione dei Cerchi nel Grano 2012, il fenomeno sembrava essere in forte diminuzione. Poi, le numerose formazioni comparse hanno fatto ricredere anche i più scettici, dimostrando che il fenomeno è vivo e vegeto e che diventa sempre più complesso. Dei molti pittogrammi, vi presentiamo quelli che a nostro avviso sembrano essere i più interessanti, anche per i messaggi che sembrano emergere dalle analisi. Pare che stiano arrivando i rettiliani...

01 - Hill Barn - 26 luglio



Il pittogramma di Hill Barn mostra una formazione che ricorda qualcosa di biologico, ma anche di estremamente alieno. Qualcuno degli appassionati di Crop Circles si è chiesto se questa formazione non voglia indicare il simbolo di qualche specie aliena che abbia a che fare con gli anfibi o i rettili. La forma a "tripode" dei due disegni speculari, ricorderebbe la caratteristica conformazione delle zampe degli anfibi, degli uccelli e dei dinosauri, una sorta di impronta impressa nel campo, quasi a voler dire "stiamo arrivando".



Gli scienziati hanno spesso ipotizzato che alcune specie terrestri - uccelli, anfibi e dinosauri - possano essersi evolute da aminoacidi "extraterrestri", giunti sulla Terra dall'impatto con meteoriti o comete. Ad esempio, Ronald Breslow della Columbia University - articolo in inglese - , ha suggerito che gli stessi aminoacidi potrebbero aver "fecondato" altri pianeti, fino ad evolversi in forme di vita simili agli anfibi o ai dinosauri - il Tyrannosaurus Rex, in particolare - che hanno dominato la Terra fino a 60 milioni di anni fa. Breslow, non esclude che queste forme di vita anfibia o rettile possano essersi evolute fino a diventare creature senzienti intelligenti, come accaduto per noi umani con i primati arboricoli.




Cosa vuole dirci il Crop Circles di Hill Barn? Che creature aliene rettiloidi - o rettiliane - stanno per mettersi in contatto con l'umanità? C'è pericolo per l'umanità? Essendo il T-Rex un predatore, dobbiamo immaginarci la visita aliena come una enorme "caccia all'uomo"? Qualche tempo fa, in un parere rilasciato alla Cbs News, Stephen Hawking dichiarò che un contatto alieno "potrebbe essere molto pericoloso per l'umanità".
Tuttavia, non bisogna dimenticare il parere dei teorici della cospirazione. Secondo costoro, prendendo spunto da un'opinione rilasciata da Nick Pope, l'Elite Illuminata sta per inscenare la più grande e falsa invasione aliena della storia, nella cornice delle Olimpiadi di Londra del 2012. Secondo Pope, la messinscena sarà realizzata grazie a finte "navicelle spaziali", ologrammi laser e armi ad energia per attacare le navi aliene in orbita.
Secondo questo scenario, il Crop di Hill Barn sarebbe stato creato ad arte per alimentare il clima di inquietudine e di paura, con lo scopo di rendere più efficace l'operazione truffaldina. Speculazioni? Paranoie? Probabile, ma comunicare queste cose ha sempre un grosso vantaggio: rovinare l'effetto sorpresa può mitigare la forza della cospirazione o, nella migliore delle ipotesi, distogliere i cospiranti dai loro intenti. Ci auguriamo, invece, che nulla di tutto questo sia vero... ma non si sa mai!

02 - Jubilee Copse - 28 luglio





Questo curiosissimo pittogramma ha tutta l'area di essere un sofisticato codice da decifrare. Nessuno dei parere degli appassionati, fino ad ora, è sembrato convincente. Qualcuno ha ipotizzato che si trattasse di un codice binario (composto dai valori 0 e 1), ma i tentativi di decodifica con questa tecnica hanno dato risultati deludenti. Altri hanno ipotizzato che si tratti di un codice ASCII. Anche questa ipotesi non è realistica perchè i codici ASCII utilizzano 8 o 16 valori e non 12 come nel Cerchio di Jubilee Copse.
Un ultima ipotesi vorrebbe il crop come una sorta di Codice QR, un codice a barre bidimensionale, ossia a matrice, composto da moduli neri disposti all'interno di uno schema di forma quadrata. Ma anche in questo caso, i valori non sembrano corrispondere. Molti ci stanno lavorando e, non appena ci saranno aggiornamenti, vi comunicheremo le novità. Intanto, però, se qualcuno ha una proposta o una soluzione scriva pura al Navigatore Curioso.

03 - Owslebury - 30 luglio





Questa formazione apparsa a Owslebury ricorda un tema molto caro ai Cerchi nel Grano: l'esagono e l'icosaedro, una figura tridimensionale con venti facce di forma triangolare. Si tratta di uno dei cinque solidi platonici. Secondo la classificazione di Platone, l'icosaedro è il simbolo dell'acqua. Se è vero che il 21 dicembre 2012 segna l'inizio della cosiddetta "Era dell'Acquario", forse il Crop ci vuole preparare ad un innalzamento significativo della nostra coscienza, tappa significativo dell'evoluzione umana, nella quale, secondo tutte le profezie delle religioni mondiali, sperimenteremo una lunga era di armonia con il cosmo e di pace tra le popolazioni e nella quale disuguaglianze sociali e cospiratori illuminati non avranno posto. Non ci resta che sperare "lavorando" su noi stessi e nel mondo per l'inizio della nuova era.


mercoledì 1 agosto 2012

Temperature “infernali” in Kuwait: sfondato il muro dei +53°C, stracciato il record di caldo mondiale per un’isola, a rischio il record assoluto di caldo asiatico

Temperature “infernali” in Kuwait: sfondato il muro dei +53°C, stracciato il record di caldo mondiale per un’isola, a rischio il record assoluto di caldo asiatico:



Una temperatura max di ben +53.2° è stata registrata dalla stazione di Sulaibya

Una nuova fase di super caldo sta attanagliando diverse aree del Medio Oriente, in particolare lo stato del Kuwait, dove il termometro è tornato nuovamente a varcare la soglia dei +50° all’ombra, con picchi estremi fino a +51° +52°. Si tratta di condizioni di caldo veramente estreme, opprimenti e insopportabili per un essere umano, anche se sono supportati da tassi di umidità relativa talmente bassi da scendere persino sotto la soglia del 6% 5%. Il limite assoluto sarebbe sotto il 3 %, la soglia strumentale. Ma quello che stupisce ancora di più della super ondata di calore che ha colpito il Kuwait sono i dati raggiunti da alcune località, come Sulaibya, veramente notevolissimi nonostante siamo nel cuore dell’estate boreale, il periodo più “rovente” dell’anno in tutta l’area del Medio Oriente, dove la colonnina di mercurio può anche varcare il fatidico muro dei +50°. Proprio nella giornata di ieri, martedì 31 Luglio 2012, il synops delle 12:00 indicava una temperatura di ben +53.2° nella stazione di Sulaibya. Un dato ancora più impressionante se si conta che ancora non era inclusa la temperatura massima giornaliera che ha raggiunto dei picchi a dir poco infernali.






Tempesta di sabbia prodotta dal soffio dello "Shamal" in Iraq
La temperatura media diurna si è aggirata attorno agli incredibili +45°. In sostanza, i +53.2° all’ombra fatti registrati dalla stazione di Sulaibya, rappresentano niente meno che la terza temperatura massima più elevata mai registrata nell’intero continente asiatico, portandosi a solo un decimo dal record assoluto di caldo nazionale del Kuwait. A solo 7 decimi dallo storico record assoluto di caldo mondiale detenuto dalla “Death Valley”, la località più “bollente” della Terra, nel cuore dei deserti degli USA sud-occidentali. Ma non è finita qui. Sempre nella giornata di ieri, nell’isola di Failaka, che si trova localizzata poco a largo da Kuwait City, attorno le calde acque del golfo Persico, che in questo periodo misurano valori di oltre i +35° +36°, il synops della locale stazione meteorologica segnava una temperatura dell’aria di ben +51.7°, un dato impressionante per un’isola circondata dal mare. I +51.7° di Failaka stabiliscono il nuovo record mondiale di temperatura massima raggiunta dentro un’isola. Finora in nessuna isola del pianeta era stato sfondato il muro dei +51° all’ombra, neanche in quelle più vicine alla terra ferma. Tale valore cosi elevato è stato raggiunto grazie allo spirare, costante e sostenuto, dei “torridi” venti nord-occidentali che hanno spinto verso l’isola le “bollenti” masse d’aria preesistenti sopra l’entroterra desertico del Kuwait, ulteriormente surriscaldate nei bassi strati dall’intensa e continua insolazione diurna e dall’aria secchissima che trasforma i deserti del Medio Oriente in autentici forni a cielo aperto, dove diventa veramente difficile sopravvivere se non si è addestrati o abituati a simili condizioni climatiche cosi estreme.



Un immagine aerea dell'isola kuwaitiana di Failaka, dove ieri è stata registrata una massima di +51.7° che rappresenta il nuovo record di caldo mondiale detenuto da un'isola

Failaka con i suoi +51.7°, oltre a migliorare il suo personale record assoluto di caldo, riesce a stracciare il precedente record di caldo mondiale mai toccato in un’isola, detenuto dall’isola di Bubiyan che lo scorso 14 Luglio aveva sfondato i +50.7° grazie all’avvento dei “torridi” venti di terra dall’entroterra desertico del Kuwait. il gran caldo è stato accompagnato e anche incentivato dai torridi e “bollenti” venti da O-NO che hanno raccolto l’aria molto calda e secca preesistente sopra i deserti della Siria e dell’Iraq centrale. Di solito il muro dei +50° all’ombra in Iraq, come sul Kuwait e negli altri paesi che si affacciano sulle coste occidentali del golfo Persico, si abbatte proprio in questo periodo dell’anno, quando sopra le scottanti distese desertiche irachene e kuwaitiane prevale la calda ventilazione nord-occidentale, nota con il nome di “Shamal”, che spira in direzione del Kuwait e degli altri paesi del golfo Persico. Quando la calura soffocante raggiunte picchi cosi estremi è sempre accompagnata da tassi di umidità relativa molto bassi, che possono scendere anche al di sotto della soglia minima del 6 % 5 % nelle ore centrali del giorno. Il super caldo durerà anche nei prossimi giorni, data l’insistenza di una moderata ventilazione dai quadranti nord-occidentali, con la tipica componente da N-NO, che piloterà verso il Kuwait e le limitrofe aree costiere affacciate al settore nord del golfo Persico l’aria “bollente” accumulata sopra le vaste distese desertiche di Iraq e Kuwait. Con l’insistenza dei caldissimi venti di “Shamal” nuovi record di caldo assoluti potranno essere battuti con una certa facilità, specie lungo la costa kuwaitiana.