lunedì 11 giugno 2012

Terremoti...segnali o energia dei grandi cambiamenti interplanetari.

Terremoti...segnali o energia dei grandi cambiamenti interplanetari.

La stragrande maggioranza delle persone credono che la terra e un blocco di roccia sospeso nello spazio che gira intorno al sole come una semplice trottola. Certo sarebbe plausibile ma il respiro dell'universo sono i cicli che il popolo maya custodi del tempo descrivono nel famoso calendario. 
Respirando attraverso quattro cicli. Nelle due fasi, di inspirazione e espirazione vi sono altre due fasi molto importanti per farti capire che la vita e la morte vanno di pari passo qualche volta. I punti posti trà l'espirazione e l'inspirazione... chiamati ''punti morti.'' sono quello di cui stiamo parlando.


Come sappiamo i pianeti vivono per un certo periodo poi muoiono ma non si  è ancora a conoscienza se nel sottosuolo vi sia stata forma di continuità della vita dopo la fine del mondo di quei pianeti.  Mercurio e Venere, più vicini al sole anno ospitato qualche forma di vita come la terra ma con l'espansione dell'universo e del sistema solare succede anche per i pianeti, così che con l'espansione del sole, i pianeti meno distanti dal  sole anno subito un collasso per l'equilibrio della vita. Il nostro sistema di vita sarebbe una piccola parte della goccia che farà traboccare il vaso, nel senso che mettimo caso un evento sia in bilico noi saremo la causa scatenante della rottura di questo.
I cinque cicli rappresentati nel grafico non sono altro che il respiro della nostra galassia quindi un respiro e un punto morto ogni 5125 anni del nostro tempo è totalmente palese che muta come ogni forma di vita. Con l'accelerazione della risonanza di cavità Schumann, il 2012 la data tanto attesa ci a dato e sta dando i suoi frutti  come tutti stiamo constatando con le alluvioni, terremoti, catastrofi, e scenari sempre più apocalittici e e primordiali.  
             

0 commenti:

Posta un commento